2

Nel libro Racconto d'autunno, di Tommaso Landolfi, ho letto:

Ebbene, avevo appena cominciato a salire l'infima scaletta, che mi parve udire un leggerissimo scalpiccio in cima a questa. Di nuovo il vecchio o, peggio ancora, i suoi cani, spintisi per un caso fin lì? M'inorecchii: sembrava pesta umana, benché non di persona in babbucce. E se non il vecchio, di bel nuovo, chi?

Potreste spiegarmi il significato di "inorecchiarsi" in questo brano? Ho cercato "inorecchiare" e "inorecchiarsi" in parecchi dizionari, ma non ho trovato questi vocaboli.

0
4

Non conosco questo verbo (e suppongo dal contesto che significhi qualcosa come “mettersi sul chi vive”), ma dal punto di vista formale, se il passato remoto è “inorecchii”, l'infinito dovrebbe essere “inorecchire” (che in effetti è presente in questo dizionario amatoriale in cui non ripongo particolare fiducia).

Google ne rinviene almeno un uso all'interno di Il cavalier Mostardo di Antonio Beltramelli, risalente agli anni '20:

E udiva, così stando e in tanta tristezza, il ronzio delle vespe, delle mosche, dei calabroni. Poi avvertì che qualcuno parlava dietro le sue spalle ; ma non vi pose mente ; solo un nome lo fece inorecchire. Certo i due conversatori non l' avevano veduto e parlavano abbastanza forte perchè non sfuggisse a lui una sola parola.

E dal contesto è chiaro anche qui che il verbo significa “richiamare l'attenzione”.

A conferma, il Treccani riporta “inorecchito”, nel senso di “Stando con le orecchie tese, attento: e riguardava intorno, inorecchita (Pascoli)”.

2
0

Nel contesto da te citato inorecchiarsi significa prestare attenzione a ciò che arriva all'orecchio, ai rumori, origliare.

Su Treccani puoi trovare per orecchiare, sinonimo di origliare:

  1. intr. (aus. avere) Stare in ascolto per sentire, senza essere visto, ciò che altri dicono, o ciò che avviene; origliare: non è bello stare a o. dietro alle porte; eccomi in cucina, e lì mi fermai in punta di piedi, orecchiando (F. De Sanctis). Anche come trans., con lo stesso senso: orecchiava i discorsi dei colleghi con pettegola curiosità; o con quello di sentire per caso e senza che altri se n’accorga: a metà della cucina aveva orecchiato la voce del teologo (I. Nievo).

In senso figurato, considerare le istanze e le richieste di qualcuno.

Dal Corriere della Sera:

Intanto una gigantesca congiunzione di antifone si addensa sui cieli d'Italia e d'Europa. La nostra classe politica dovrebbe inorecchiarsi ai tanti fenomeni che la riguardano

Your Answer

By clicking “Post Your Answer”, you agree to our terms of service, privacy policy and cookie policy

Not the answer you're looking for? Browse other questions tagged or ask your own question.