1

Nel romanzo Il sarto della stradalunga, di Giuseppe Bonaviri, ho letto:

Il mio letto consisteva in un divano del solito velluto rosso con basi d'appoggio lucide, in cui si specchiava tutto ciò che pensavo. Il solo mobile era un tavolino nero senza un grano di polvere, con un vaso esile che non si svasava come tutti i vasi, in alto. Nel vaso non c'era niente, nemmeno un fiore rosso. Qualche libro nasceva sul tavolo quando lo desideravo.

Si tratta di fantasticherie dell'io narrante sulla stanza da letto che avrebbe voluto avere.

Malgrado abbia cercato il verbo "svasare" in parecchi dizionari, non riesco a capire il suo significato nel brano precedente. Me lo sapreste spiegare?

4

Puoi trovare il significato in svasatura:

d. Nelle lavorazioni, in genere, leggera conicità che si conferisce a un pezzo, metallico o di altro materiale, per facilitarne l’estrazione dalla sede (avente anch’essa una corrispondente svasatura) o per agevolarne il forzamento in essa. Anche, l’angolo di apertura delle teste o delle punte dei chiodi fresati.

Nel caso del vaso la svasatura è l'apertura a forma conica del collo che facilita l'inserimento dei fiori.

In figura un esempio:

enter image description here

Nel passaggio da te citato il vaso descritto sembra avere un collo esile come una bottiglia, a differenza dei normali vasi per fiori.

Your Answer

By clicking “Post Your Answer”, you agree to our terms of service, privacy policy and cookie policy

Not the answer you're looking for? Browse other questions tagged or ask your own question.