2

Nel romanzo La malora, di Beppe Fenoglio, ho letto:

      Ci aspettavamo tutti la furia di Tobia e invece lui trovò una voce ragionativa e parlò come un avvocato. Disse: – Ha considerato Amabile che lui è particolare mentre io sono solo un mezzadro? Eppure gli do mia figlia, sana, tutt’altro che brutta e ancora cosí com’è uscita da sua madre, e le ho fatto quattro marenghi di dote. Amabile cosa può pretendere di piú? Sentiamo.
      – Dice che voi come mezzadro siete grosso e che invece lui come particolare ha appena un fazzoletto di terra e non della meglio che ci sia.

Potreste spiegarmi il significato di "particolare" in questo passaggio? Alla voce "particolare" in alcuni dizionari ho trovato che, come sostantivo, vuol dire "cittadino privato", "persona singola", ma non capisco come questo si possa contrapporre a "mezzadro".

  • 3
    Credo significhi che è un piccolo proprietario terriero o che lavora in proprio, al contrario del mezzadro, che invece lavora la terra del padrone. – Riccardo De Contardi Jul 5 '18 at 7:45
  • 1
    @RiccardoDeContardi: Questo articolo conferma la tua ipotesi: spiega che significa “piccolo possidente”. – Charo Jul 5 '18 at 7:56
  • 1
    Ecco il passo dell'articolo sopra linkato che parla di questo e altri termini che appaiono nel romanzo: – Charo Jul 5 '18 at 11:49
  • 1
    «L’influsso del dialetto ha lasciato delle tracce anche nel lessico de La malora; Fenoglio utilizza “censa” invece di “privativa”, “stroppo” invece di “branco”, “onta” invece di “vergogna”, “particolare” invece di “piccolo possidente”, “bricco” invece di “monte”, “rubarizio” invece di “furto”, “diffizioso” invece di “schizzinoso”, “sversa” invece di “contrariata”, “alla mira” invece di “al punto”, “genare” invece di “imbarazzare”, “schivare” invece di “tener da parte” e “sbardati” invece di “sparpagliati” (tutti questi esempi secondo Grignani, 97).» – Charo Jul 5 '18 at 11:49
  • Particolare significa quindi piccolo possidente. – abarisone Jul 5 '18 at 12:03
2

Il significato di particolare nel contesto da te citato è di proprietario di una particella, piccolo possidente:

particèlla s. f. [lat. **particĕlla*, dim. di particŭla che a sua volta è dim. di pars partis «parte»].

e significa:

  1. Porzione di terreno. a. P. (o parcella) catastale, l’unità catastale costituita da una porzione continua di terreno, situata in un solo comune e appartenente a un solo proprietario (o a più proprietarî pro indiviso), che sia di un’unica qualità o classe di coltura e abbia un’unica destinazione oppure sia occupata da un fabbricato con caratteristiche proprie e dalle relative pertinenze.

A differenza del mezzadro che aveva il diritto di lavorare il pezzo di terra ma non ne era il proprietario.

| improve this answer | |

Your Answer

By clicking “Post Your Answer”, you agree to our terms of service, privacy policy and cookie policy

Not the answer you're looking for? Browse other questions tagged or ask your own question.