2

Nel racconto Il signor Podestà, di Beppe Fenoglio, ho letto:

A metà si fermò, da dove aveva completa visuale della cascina dei Cora, laggiú, presso il ponticello sul rio secco affluente di Belbo, dirimpetto al mulino abbandonato. Di lassú però non poteva distinguere i dettagli – leggi presenze e movimenti dei familiari di Maria – quindi discese di un altro centinaio di scalini.

Sapreste spiegarmi il significato di "leggi" in questo brano? Ho cercato i termini "leggio" e "legge" in alcuni dizionari, ma non ho trovato nessuna accezione che abbia senso in questo contesto.

4

In questo caso leggi significa cioè o vale a dire. Il senso letterale è quello di un'esortazione a leggere presenze e movimenti [...] di Maria al posto di dettagli. Esempi più semplici di questa costruzione sono

Il capo ha dato dei consigli - leggi ordini - all'interno

Luigi negava sempre che la sua franchezza - leggi maleducazione - gli causasse problemi con le donne

| improve this answer | |
  • Forse un prestito dal lessico filologico. – egreg Sep 27 '18 at 22:26
  • Si tratta dell'imperativo alla seconda persona singolare e quindi è informale? – Charo Sep 28 '18 at 11:05
  • @Charo Sì, si tratta dell'imperativo di seconda persona, ma non mi suona troppo informale. È più una frase fatta, per cui c'è un po' di resistenza al cambiare la coniugazione (per esempio io userei leggi anche parlando a più persone) – Denis Nardin Sep 28 '18 at 11:10
  • E non si usa "si legga" come espressione equivalente più formale? In spagnolo si usa "léase" con questo stesso significato. – Charo Sep 28 '18 at 11:42
  • @Charo Si legga è sicuramente accettabile. Non sono esattamente sicuro di quale sia la convenzione sociale qui – Denis Nardin Sep 28 '18 at 11:51

Your Answer

By clicking “Post Your Answer”, you agree to our terms of service, privacy policy and cookie policy

Not the answer you're looking for? Browse other questions tagged or ask your own question.