10

We must necessarily consider that any Italian word derived from Etruscan, must have done so by way of Latin, even though it is uncertain whether those Latin words did really derive from Etruscan. Here are some words I found in standard etymological dictionaries of the Latin language which are supposed to have come from Etruscan. (vd. bibliography): ...


10

There isn't a general rule. Most of the foreign words have a defined grammatical gender in Italian – although for some of them both are acceptable or their gender is still debated: e.g. font, emoji – but there is not an universal mechanism for its assignment. According to this post by the Accademia della Crusca, the gender gets assigned most of the time ...


8

The list is wrong about pronunciation. The rule is much simpler: you never pronounce the H, it's only used to tell a hard C/G (call, gall) from a soft C/G (choke, joke). The graphic usage of H in words that are not loanwords is limited to -che-, -chi-, -ghe-, -ghi-, interjections (ehi, ah etc. and short forms used as interjections like toh, beh - also ...


8

Potrebbe tradursi come "funzionalità", perchè ha una accezione più positiva. Il mio software ha queste features: ... Il mio software ha le seguenti funzionalità: ...


7

According to this page: http://www.lindaliguori.it/samurai-lo-stuzzicadenti/ the name "Samurai" was chosen in 1965 by the manifacturers after their meeting with a japanese exporter of timber. I am not sure, but I think that the other names just tried to follow its wave of success, so your guess about the "imitation of a leading brand" seems IMO correct.


7

Per me hai ragione tu. Per quanto ne so, salvo eccezioni, per i verbi modali l'ausiliare è quello del verbo che segue. In questo caso finire è intransitivo e vuole essere, quindi la forma corretta è ecco come sarebbe dovuto finire. C'è anche la faccia transitiva di finire (finire il compito) e avrebbe dovuto finire il compito (dove il compito è complemento ...


6

Credo che sia più un calco del francese, o almeno mi sembra che la gente tenda a dire "ultima scians", ossia con la pronuncia francese. Esistono certamente (come in molti altri casi) espressioni italiane equivalenti, per esempio: "ultima occasione", "ultima opportunità". Però si sa, agli italiani piacciono molto le espressioni straniere.


6

Treccani qui offre un'ottima spiegazione in base alle regole di selezione dell’articolo determinativo, la forma corretta davanti alla parola straniera whisky dovrebbe essere l’, con l'elisione, come per tutte le parole che iniziano con il suono u (come per l’uomo) Tuttavia, nell’uso comune prevale la forma con l’articolo il, probabilmente per via del ...


6

Well, we say non prendertela a cuore prendere a cuore Interessarsi attivamente di qualcosa, curarsene in modo fattivo. Fregatene is in my opinion a bit too colloquial and slightly rude compared to the English expression.


6

La morfologia della lingua di partenza di un prestito non adattato è di solito «invisibile» alla lingua d’arrivo, qualora il prestito sia acclimato, e non si tratti quindi di una citazione. Lo stesso dovrebbe valere anche gli aggettivi. Tuttavia, i dizionari riportano esempi non concordi. Ecco il Treccani alla voce «démodé»: Fuori moda, passato di moda: ...


5

Penso che al di fuori dei lettori abituali di Michele Serra nessuno capirebbe! Credo che questo sia un neologismo del giornalista limitato al suo articolo. Concordo che twittare sia abbastanza usato, ma d'altra parte potrebbe essere un calco dall'inglese "to tweet" (http://mashable.com/2009/06/11/twitter-ap-stylebook/). "To facebook", invece, non esiste ...


5

Trovo che sia un'“invenzione” normalissima, soprattutto nel linguaggio giornalistico, pubblicitario e in genere creativo, ma non solo. Anche se non quanto l'inglese (che può prendere virtualmente ogni sostantivo e usarlo come verbo), anche l'italiano è molto fertile da questo punto di vista: se domani qualcuno dice “pizziamo o cinemiamo?”, “non star sempre ...


4

A parte che io non userei mai quel verbo e comunque preferirei la forma "io feisbucco, tu feisbucchi", credo che in un contesto non formale l'espressione "aggiorno il mio stato su Facebook" sia troppo pesante, e inventarsi un verbo può essere utile.


4

fregatene would fit more either don't care or even don't give a .... because it's a little harsh. How do you say "don't take it to heart" in Italian? You could say: Non prendertela (closest non-literal translation); Lascia perdere (let go), and Non importa (it doesn't matter)


4

Questo fenomeno si dà anche per la lingua italiana. A continuazione elenco alcuni esempi che si trovano sul Grande dizionario della lingua italiana. Dal francese: baghetta: Dal fr. baguette, a sua volta deriv. dall'ital. bacchetta. brico (anche bric e brik): Adattamento di bric o brik, voci derivate dal fr. brick (docum. nel 1788), alterazione dell'ingl. ...


3

Un termine che potrebbe andare bene nel tuo contesto potrebbe essere peculiarità, inteso come qualità singolare, derivato da peculiare cioè: peculiare agg. [dal lat. peculiaris, der. di peculium «sostanze, proprietà»]. – 1. Singolare, particolare, proprio di una determinata cosa o persona (o di un insieme di cose o persone) Come fa giustamente notare @...


3

Star Pons are a specific breed of Polish Lowland Sheepdogs. If you search online for "Star Pons" you will find several websites devoted to the breed. The logo and poster are in the style of the Star Wars movie poster. Therefore, the logo on the poster is an English-language play on words. Nothing to do with the Italian Language, by the way, so doubtful it ...


3

Per quanto ne so io, i verbi servili (come erano noti i verbi modali nelle "vecchie" grammatiche) possono utilizzare l'ausiliare avere pure con i verbi intransitivi, anche se di preferenza si usa l'ausiliare del verbo principale. Cito dalla mia grammatica "Dardano-Trifone, La Lingua Italiana, 1985, Zanichelli", sezione 7.9 VERBI SERVILI E ...


3

From the Italian Orthography Wikipedia page (translated): Grapheme 〈h〉 In Italian 〈h〉 is a so-called "silent" letter, i.e. without a phonological value (although in some cases it may indicate an aspirated sound /h/, similar to the Florentine gorgue), whose main functions are diacritical and/or distinctive. Today's orthographically regulated uses ...


2

La traduzione corretta può essere "Legge sul lavoro" o "Legge sulle professioni". Per mantenerne la sonorità potresti usare "Testo unico del lavoro" o, per avvicinarti agli obiettivi dichiarati, potresti usare "Testo unico di riforma del lavoro". Concordo con DaG sul riferimento al Jumpstart Our Business Startups di Obama.


2

se io dovessi rendere in italiano "Jobs act" (e notate che non ho scritto "tradurre"), cercherei un retronimo per LAVORO, qualcosa tipo Legge Aggiungente Valore Ottimale per la Realizzazione Occupazionale). Ovviamente nessuno si ricorderebbe dell'acronimo ma avrebbe questa lontana rimembranza dell'esistenza dell'acronimo stesso :-)


1

Come riportato da Treccani il taxi prende il nome dall’abbreviazione di "taximètre" o tassametro. tassì (anche taxi o taxì) s. m. [adattam. del fr. taxi, abbrev. di taximètre («tassametro» e «vettura a tassametro»)]. – 1. Automobile fornita di tassametro, adibita al servizio pubblico: chiamare, prendere un t.; posteggio di tassì. Nell’italiano di ...


1

Secondo l'Enciclopedia Treccani: «Oggi sono i mezzi di comunicazione di massa che hanno un ruolo decisivo nella stabilizzazione grafica e fonetica dei forestierismi, per i quali si tende ad approssimarsi il più possibile al modello alloglotto, talora anche nel caso di voci che già avevano assunto una forma adattata.» Dunque, come è stato detto da @egreg,...


1

La massima autorità nel campo dello studio della lingua italiana è l'Accademia della Crusca, che fra i propri propositi ha proprio quello di catalogare i neologismi, fissandone le convenzioni morfografiche e fonetiche. Anche se non è un'istituzione ufficiale dello Stato italiano, la sua autorevolezza è di fatto indiscussa. Qui una breve descrizione su ...


Only top voted, non community-wiki answers of a minimum length are eligible