1

Nel romanzo Ferito a morte, di Raffaele La Capria, ho letto (grassetto mio):

Totonno, ogni mattina immancabile a quest’ora, come un appuntamento, con qualsiasi tempo. Mai visto uno che rema seduto così, faccia alla prua, e con le gambe piegate sotto, come se stesse in ginocchio. Troppo piccola quella barca per lui. Dice che è comoda, ma voglio vede’ col maltempo, se l’incoccia. Una sedia a rotelle, la manovra così, tutto di braccia, con quei remi corti.

Per si è d'aiuto, il romanzo è ambientato a Napoli.

Ho cercato il verbo "incocciare" sul vocabolario Treccani e su qualche altro dizionario, ma non riesco a vedere quale significato possa avere nel testo. La frase dove appare si potrebbe qualificare di parlare colloquiale? Cosa vuol dire?

2

Probabilmente il senso di “incocciare” usato nel testo di La Capria è quello citato da Teccani.it al punto 3a:

imbattersi in persona o cosa. (Uso familiare e regionale centro/sud)

Il senso della frase sarebbe:

  • “voglio vedere come se la cava col maltempo, se ci si imbatte in barca.”
| improve this answer | |
  • Ho fatto una piccola modifica che, ovviamente, puoi "rollback" se non ti sembra bene. Mi pare importante che appaia "familiare" perché è qualcosa che in certo modo chiedo nella domanda. Poi, da quanto ho capito io leggendo alcuni libri, "regionale" e "dialettale" non sono esattamente la stessa cosa. Il Treccani usa l'abbreviazione "dial." per "dialettale". Come fanno parecchi dizionari, quando si tratta di un uso regionale utilizza delle abbreviazioni per indicare l'ambito geografico di uso. – Charo Aug 12 at 6:17
  • 1
    Non c’è problema, anche se non mi è molto chiaro cosa intendono per “familiare”. Per questo non l’avevo citato. – Hachi Aug 12 at 7:39
  • 2
    Appunto, non mi sembra si tratti di una locuzione “riservata allo stretto giro di parenti e amici” ma più diffusa. Infatti è usata e capita nel centro e sud d’Italia. – Hachi Aug 12 at 8:11
  • 1
    La mia impressione è che la distinzione è del colloquiale vs familiare che fa lo Zanichelli sua molto debole. Tutte le espressioni citate, tranne “briscola” (forse un regionalismo) sono comunemente usate in ambito informale per cui sono espressioni colloquiali, non ci vedo nulla di “familiare“. Tetta ad esempio, io non la userei in famiglia, ma piuttosto con estranei. – Hachi Aug 13 at 5:53

Your Answer

By clicking “Post Your Answer”, you agree to our terms of service, privacy policy and cookie policy

Not the answer you're looking for? Browse other questions tagged or ask your own question.