6

Mi riferisco al significato della parola che viene spiegato in questa domanda

Esiste una parola (o un modo di dire o una parola equivalente) specifica che si riferisce al fatto che certe azioni sono percepite come possibili (a causa ad esempio della particolare forma o configurazione dell'ambiente)?

Il manico di una tazza suggerisce che questa possa essere afferrata, ma "suggerisce" è una parola molto generica.

I buchi nelle prese elettriche suggeriscono ai bambini che sia possibile infilarci le dita (e restare fulminati).

EDIT:

La parola che cercavo non esiste in senso e va coniata, grazie alla risposta di DaG. La soluzione sembra essere una di queste due:

  • Affordanza: in pratica è la parola stessa ma italianizzata
  • Permettenza: è una parola forse corretta, ma che ho già sentito utilizzare, mi sembra in elettrotecnica per cui alla fine forse è meglio la prima.
  • Per la forma verbale io userei fare sì che (e.g. Il manico di una tazza fa sì che essa possa essere afferrata), ma non ho idee riguardo al sostantivo. – Denis Nardin Aug 22 '16 at 14:33
  • Ho provato a investigare un po l'argomento "ergonomia" senza trovare alcunché. – CoffeDeveloper Aug 22 '16 at 14:36
  • 1
    Benvenuto su Italian.SE! – Charo Aug 22 '16 at 14:37
  • Ho trovato il termine affordance non tradotto in testi in italiano sull'usabilità delle interfacce uomo-macchina; penso che in alcuni contesti si possa tradurre con suggerimento, indicazione o invito. "A mouse gives you the affordance of moving and clicking." "Un mouse ti dà il suggerimento di muovere e cliccare." – CasaMich Aug 22 '16 at 15:48
  • Grazie @Charo . Alla fine mi sa che è meglio italianizzare il termine (esattamente come è successo per "implementare"). – CoffeDeveloper Aug 23 '16 at 8:30
3

Come è stato ricordato, il termine inglese è piuttosto recente: risale al 1966, coniato da J.J. Gibson, e l'English Oxford Dictionary riporta quella che presumibilmente è la prima frase in cui compare (non considerando un diverso e più antico uso locale della parola):

When the constant properties of constant objects are perceived (the shape, size, color..[etc.]), the observer can go on to detect their affordances. I have coined this word as a substitute for values, a term which carries an old burden of philosophical meaning. I mean simply what things furnish, for good or ill. (J. J. Gibson, Senses considered as Perceptual Systems, xiii. 285)

«Quando vengono percepite le proprietà costanti di oggetti costanti (la forma, le dimensioni, il colore [etc.]), l'osservatore può procedere a rilevarne le [affordances]. Ho coniato questa parola come sostituto per valori, un termine che si porta dietro un vecchio fardello di significati filosofici. Intendo semplicemente ciò che le cose forniscono, nel bene e nel male.» (Traduzione di servizio mia, e sono conscio della precarietà di quel “forniscono”.)

Essendo un neologismo anche per l'inglese, ci sono in italiano tre possibilità: 1) prendere di peso la parola inglese; 2) coniare un neologismo italiano; 3) risemantizzare una parola esistente italiana.

1) Il prestito letterale attualmente è forse la soluzione più diffusa in vari ambiti, soprattutto scientifici e tecnici, da “computer” a “cupping”, ma personalmente non incoraggerei questa tendenza, sia perché non ne ha bisogno, sia perché si porta dietro il problema di introdurre termini spesso mal usati, mal pronunciati, di cui a volte non si sa formare il plurale e così via.

2) Il meccanismo classico si limiterebbe semplicemente a adattare alla fonetica e alla grammatica italiane il termine straniero: affordanza, così come avvenne in passato per innumerevoli parole entrate in italiano (fra cui viene spesso esemplificata la beef-steak che divenne bistecca). Oppure, in una sorta di calco, si potrebbe coniare permettenza, ovviamente spiegando di che si tratta quando si introduce il termine (ma anche l'autore anglofono lo fa); può suonare strano, ma dopo tutto è coerente con “urgenza”, “partenza”, “continenza”, “resistenza” etc.

3) L'altro meccanismo che le lingue usano spesso per esprimere nuovi concetti è la risemantizzazione di termini esistenti, cioè prendere una parola e assegnarle un nuovo significato in aggiunta al preesistente. Il senso base di “applicazione” è “atto o effetto dell'applicare” (un cerotto, l'intonaco, una guarnizione, o figuratamente una legge, una regola e così via); nel moderno linguaggio informatico si riferisce invece a un certo tipo di programma; e lo stesso un “lettore” di dischi o file, la “scansione” di un'immagine etc. Anche questo fenomeno si verifica da sempre: pensiamo solo all'“albero” con le foglie, poi a quello della nave e infine a quello del motore dell'automobile.
Quale termine risemantizzare qui lo può decidere meglio chi è più addentro all'argomento, ma Gibson stesso ci suggerisce, anche se per fare una distinzione, valore; oppure, come già proposto, predisposizione.
La mia proposta principale è però invito, che ha già anche il senso di «Qualsiasi accorgimento o artificio costruttivo atto a facilitare l’avvio o l’ingresso; per es., in una scala, il primo gradino, o la serie dei primi gradini, che sporge dagli altri e dalla ringhiera, costituendo quasi un invito a salire; nella viabilità stradale, l’imbocco di un passaggio, di un passo carrabile o anche di una via perpendicolare all’asse della strada principale, che si presenti svasato in modo da facilitare la svolta e l’ingresso di veicoli» (Treccani, 5).

| improve this answer | |
  • Direi allora che il termine che cerco è affordanza, permettenza non lo userei perchè è già usato in elettro-tecnica (l'inverso della resistenza è la permettenza o comunque una parola troppo simile che può essere confusa con permettenza, invece affordanza permetterebbe anche una traduzione più facile avendo l'equivalente inglese).. Grazie! è la risposta che cercavo – CoffeDeveloper Aug 23 '16 at 8:25
  • 1
    Il termine permettenza o permettanza è stato usato in passato come sinonimo di capacità elettrica in testi di fisica ed elettrotecnica, dunque a mio avviso non è molto adatto come neologismo. L'inverso della resistenza invece dovrebbe essere la conduttanza. – CasaMich Aug 24 '16 at 10:12
3

Il termine affordance è stato introdotto dallo psicologo James Gibson e rientra nella categoria dei forestierismi di necessità, cioè quelle parole che esprimono concetti che non hanno una controparte nel lessico italiano e a mio avviso non è mai stato tradotto con un neologismo italiano. L'italiano rispetto ad altre lingue (e.g. spagnolo) è abbastanza aperto verso l'adozione di termini provenienti da altre lingue.

Comunque io credo che concetto che si avvicina di più sia quello di predisposizione, o alle volte intuitività.

| improve this answer | |
0

Parlo da madrelingua italiano; equivalente ad "affordance" c'è soltanto "fa sì" e "permette - (e tutti i suoi sinonimi)" (come qualcun'altro ha anche detto); Il manico di una tazza permette che questa possa essere afferrata (autorizza; fa sì). Il termine "affordance" non è un vero e proprio "termine" in italiano, come per il resto altre moltissime parole in altre lingue non hanno una vera e propria "traduzione" in italiano, ma possiamo comunque prendere "spunto - riferimento" da quella parola e la sua definizione nella lingua stessa per comprendere - afferrare "correttamente" il concetto di quella parola. Saluti! :).

| improve this answer | |
  • Benvenuto/a su Italian.SE! – Charo Nov 28 '18 at 19:46

Your Answer

By clicking “Post Your Answer”, you agree to our terms of service, privacy policy and cookie policy

Not the answer you're looking for? Browse other questions tagged or ask your own question.